Descrizione Progetto

Eva Antonini

Guarda il video

La terra… materia arcaica e primordiale, ardua e malleabile… esercita un’attrazione seducente su Eva Antonini sin dai primi anni di vita, anni in cui già si denota la sua predisposizione alla modellazione.
Nel 2002 erompe la sua vera passione per la scultura che la porta ad immergersi, senza voltarsi indietro, in questo affascinante mondo di creatività tridimensionale.
Presto seguono le prime esposizioni in Svizzera e all’estero, i primi incarichi di opere in bronzo per degli spazi all’aperto, i primi premi per la scultura, le prime monografie. Negli ultimi anni, alcune delle sue opere vengono selezionate per l’esposizione al Carrousel du Louvre, esposizione internazionale a cui fa capo la Società Nazionale di Belle Arti di Parigi.

Eva Antonini nasce a Rapperswil (Svizzera), luogo d’infanzia e di adolescenza. Vive e lavora in Ticino (sud della Svizzera). Il suo curriculum espositivo spazia dalla Svizzera all’Italia, alla Francia, alla Spagna e agli USA.

La sua esplorazione artistica contempla la transitorietà e la fragilità della vita, la fugacità dei singoli istanti, esprimendosi in un linguaggio frammentario del corpo e del volto. Frammenti scultorei spesso in metamorfosi tra passato e presente. Superfici segnate dalle cicatrici della vita, ma contrastate dall’armonia delle linee e dei movimenti che lasciano intravedere il lato bello e miracoloso del transito umano sulla terra. Il corpo quale “traduttore” dell’anima nel visibile.